Consigli pratici

quadrato Qual è lo zafferano migliore?

Lo zafferano migliore è quello “più buono” o meglio quello che ha caratteristiche organolettiche superiori (un colore giallo oro, un sapore inconfondibile e deciso, un  profumo intenso). Lo zafferano migliore è una miscela di varie provenienze che, a seconda  delle coltivazioni e dei terreni utilizzati, sappia esaltare al massimo le sue caratteristiche  grazie a sapienti dosaggi tra le varie qualità e sappia nel tempo mantenersi fedele alle  tradizioni e alle abitudini di gusto del consumatore (come si fa con il vino e con il caffè).

quadrato Cucinando, in quale momento aggiungo lo zafferano alla preparazione?

In generale lo zafferano va aggiunto a fine cottura e mescolato con cura agli altri ingredienti. Solo così facendo sprigiona tutto il suo profumo che viceversa andrebbe in gran parte perso durante la cottura.

quadrato I piatti pronti a base di zafferano (risotti, paella etc.) contengono unicamente zafferano?

Nella maggior parte dei casi no. Per “imitare” il colore dello zafferano vengono aggiunti coloranti chimici sintetici (E102 giallo tartrazina, E110 giallo tramonto, E104 giallo di  chinolina), o naturali (curcuma) e altri aromi, che sono più economici dello zafferano puro ma che non hanno il gusto tutto particolare dello zafferano. Detto questo, il sapore inconfondibile è solo dato dallo zafferano puro e dalla sua sapiente miscelazione frutto di  una tradizione tramandata di generazione in generazione nelle aziende che da decenni  operano sul mercato.

quadrato Quale vino abbinare?

Lo zafferano è un ingrediente che esalta innumerevoli piatti, e  li arrricchisce con il suo gusto inconfondibile. Allo stesso modo le pietanze allo zafferano si accostano egregiamente a differenti qualità di vini: bianchi, rossi, rosati o bollicine.

Bianchi come lo Chardonnay, purché di buona struttura, reggeranno molto bene il  confronto con la complessità e la persistenza aromatica dello zafferano, che si sposa  anche con vini profumati come il Riesling Renano, il Gewürztraminer o il Sauvignon.

Se la preparazione invece vuole un Rosso, questo dovrà essere maturo, ma molto morbido, poiché i vini troppo tannici accentuano esclusivamente la nota amara dello zafferano. E il risotto alla milanese? Sarà in ottima compagnia con le bollicine e i profumi di uno spumante metodo classico.

img3cuochi12
img3cuochi11
img3cuochi13

rigadash


3nob

sear


COMMUNITY

SCARICA


 

 

 

CURIOSITÀ

...Cleopatra, famosa regina d’Egitto usava lo zafferano per dare un colore dorato alla sua pelle!

Scopri di più...